Blog Fashion FTY

Levi’s chooses Econyl for its new collection

April 12, 2016
Levi's Econyl

Have you ever thought of the possibility of a world without jeans? And it is not for sure related to the trends that change or to fashion that dictates new laws, but only to a problem of shortage of raw materials?

Levi’s was the first one to think about it, which far away from giving up to the production of the piece of clothing, that most of all revolutionized the way to dress up of entire generations, and it decided to antrust Aquafil for the finding of the Econyl yarn, necessary for the fulfillment of a whole collection.

Econyl, we have already talked about it many times here, is the yarn 100% realized with end-life nylon materials (as fishing net abandoned on the sea bottom or carpet allocated for garbage dump).

The collection that Levi’s will realize with Econyl is one of the steps forward the company decided to take towards a completely eco-sustainable production-chain, whose aim is the production, indeed, of close-cycle pieces of clothing.

___

Hai mai pensato alla possibilità di un mondo senza jeans? E non certo per questioni legate ai trend che cambiano o alla moda che detta nuove leggi, ma solo ed esclusivamente per un problema di scarsità di materie prime?

A rifletterci è stata la Levi’s che, lungi dal voler rinunciare alla produzione del capo di abbigliamento che più di ogni altro ha rivoluzionato il modo di vestire di intere generazioni, ha deciso di affidarsi ad Aquafil per il reperimento del filo Econyl necessario alla realizzazione di un’intera collezione.

Econyl, ne abbiamo già parlato diverse volte qui sopra, è il filo realizzato al 100% con materiali a fine vita in nylon (come reti da pesca abbandonate sul fondo dei mari o moquette destinate alla discarica).

La collezione che Levi’s realizzerà con Econyl è uno dei tanti passi che l’azienda ha deciso di compiere verso una filiera completamente ecosostenibile il cui fine ultimo è la produzione, appunto, di capi di abbigliamento a cicli chiusi.

 

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply